Tu sei qui: Home News L’Appennino di Montepiano, storia e natura dei monti

L’Appennino di Montepiano, storia e natura dei monti

Mercoledì 11 luglio secondo appuntamento con uno straordinario libro per "Apriti Chiostro". Un incontro fra uomo e natura che unisce panorami suggestivi, borghi e tradizioni

La copertina del libro

Apriti Chiostro incontra l’Appennino e non può che venirne fuori un matrimonio riuscito. Secondo appuntamento per il cartellone 2018 di eventi nel giardino di Palazzo Bardi, promosso dal Comune di Vernio con la collaborazione della Fondazione CDSE, con una pubblicazione sulla storia e la natura delle montagne che circondano Vernio e Cantagallo.

Mercoledì 11 luglio al Chiostro del Casone dei Bardi a San Quirico di Vernio si parte alle 21.15 con Federico Guglielmo Maetzke, Giovanni Gestri, Fiorenzo Gei, David Fastelli e Annalisa Marchi, gli autori di L'appennino di Montepiano. Storie e natura dei monti di Vernio e Cantagallo in Toscana (Aracne editore). La serata è in ricordo di Fiorenzo Gei, organizzata con la collaborazione del CAI Prato e della Fondazione CDSE.

Un territorio di bassa montagna sull’Appennino che può riservare peculiari attrattive e rappresentare un punto di ristoro fisico e psichico per il visitatore. Natura e tradizione, sentieri e leggende. Alla ricchezza e alla bellezza delle specie vegetali, alcune rare, si sommano panorami suggestivi, paesi e piccole borgate ricche di storia, chiese, badie e castelli antichi. E il giardino di Vernio si trasforma in uno spazio dove l’incontro fra uomo e natura diventa emozione e fascino. Protagonista indiscusso l’Appennino di Montepiano, al confine settentrionale della Toscana in provincia di Prato. Il paesaggio, la geologia, la flora, la vegetazione, la storia e anche le tradizioni e le leggende di un luogo da custodire e salvaguardare.

Ingresso libero.

Azioni sul documento