Tu sei qui: Home News IMU e TARI, scadenze prorogate e riduzioni a Vernio

IMU e TARI, scadenze prorogate e riduzioni a Vernio

Provvedimenti legati alle difficoltà economiche legate alla pandemia. Morganti e Lucarini: “Interventi il più incisivi possibile rispettando le norme”

Il Comune di Verno interviene con alcuni provvedimenti su IMU e Tari per tutti coloro che hanno avuto difficoltà economiche a causa della pandemia Covid. Scadenze prorogate per l’IMU e riduzioni, anche del 50% per alcune categorie riguardo alla Tari in un quadro di facilitazioni rivolte a cittadini e attività economiche.

“Abbiamo cercato di creare un pacchetto di interventi il più incisivo possibile per quanto ci è consentito dalla normativa per venire incontro alle difficoltà delle famiglie e delle attività economiche”, spiega il sindaco di Vernio Giovanni Morganti.

“Sulla TARI, potendo agire in maniera più autonoma, abbiamo deciso di sostenere in modo importante e con risorse del Comune, le attività imprenditoriali ed economiche, con un occhio di riguardo a quelle che sono particolarmente penalizzate anche nell’attuale fase di ripresa, come il comparto turistico e la ristorazione, categorie che oltretutto pagano normalmente una tariffa più alta”, aggiunge l’assessore al Bilancio e al Turismo Maria Lucarini.

Ma vediamo nel dettaglio i provvedimenti.

Per quanto riguarda l’IMU la scadenza dell’acconto 2020, fissata per il 16 giugno, è prorogata al 30 settembre 2020 per i contribuenti che hanno registrato difficoltà economiche a causa della pandemia COVID-19. Il provvedimento riguarda tutti gli immobili limitatamente alla quota comunale dell’IMU – seconde case, attività commerciali e artigianali – mentre non è applicabile alla quota dello stato che riguarda la categoria D (banche, industrie, ecc...).

Per certificare le difficoltà economiche sarà necessario compilare un semplice modello di autocertificazione da inviare al Comune entro fine ottobre, modello che sarà presto disponibile on line, sul sito del Comune di Vernio.

Veniamo invece alla TARI. Per tutte le utenze, domestiche e non, sono state predisposte 4 rate invece di 3 (tre rate di acconto e una a saldo). Le scadenze sono fissate al 30 luglio, 30 settembre, 30 ottobre e 15 dicembre.

Inoltre saranno riconosciute delle riduzioni:

- riduzione del 50% della tariffa complessiva per le categorie di utenze classificate “non domestiche” di ristorazione, bar, pasticcerie e comparto turistico (codici Tari 7-8-22-23-24).

- riduzione del 33% della tariffa complessiva per le categorie di parrucchieri barbieri ed estetisti (codice Tari 17).

- riduzione della tariffa complessiva pari ai giorni di effettiva sospensione dell’attività, per le categorie di utenze classificate “non domestiche”, la cui attività è stata sospesa per effetto dei vari decreti del Governo (DPCM 11 e22 marzo, 10 e 26 aprile e DM 25) oppure per chi ha sospeso l'attività per prevenzione o l’ha limitata alle sole urgenze.

Per le riduzioni sarà necessario entro il 25 giugno compilare e inviare al Comune tramite PEC, (all'indirizzo comune.vernio@postacert.toscana.it), un modello di domanda, semplice per le riduzioni e accompagnata da autocertificazione per la chiusura. I modelli saranno disponibili sul sito del Comune di Vernio da sabato 13 giugno.

Le agevolazioni saranno attivate esclusivamente per i contribuenti che, alla data della domanda, non presentino pendenze nel pagamento dei tributi comunali (compreso quello sui rifiuti) e delle sanzioni amministrative applicate dal Comune.

Azioni sul documento