Matrimonio

Come sposarsi con rito civile o religioso

La cerimonia del matrimonio civile si può celebrare dal lunedì al sabato nell'orario di apertura dell'Ufficio di Stato civile.

 Il matrimonio con rito civile viene celebrato di norma nel Palazzo Comunale.
E' consigliabile presentarsi all’ufficio dello stato civile per le pratiche di matrimonio almeno due mesi prima della data prevista per il proprio matrimonio.

Pubblicazioni

Per sposarsi, con rito religioso occorre la richiesta di pubblicazioni fatta dal Parroco, per sposarsi con rito civile invece occorre richiedere le pubblicazioni all'ufficio di Stato civile del comune di residenza di uno dei due futuri sposi.

Una volta fatta la richiesta di pubblicazione e acquisiti i documenti necessari, la pubblicazione permane all'Albo pretorio online del Comune per otto giorni consecutivi per eventuali opposizioni al matrimonio.
Dopo ulteriori tre giorni, nel caso di matrimonio religioso, viene restituito il certificato di eseguite pubblicazioni da consegnare al parroco o al ministro di culto.
Nel caso di matrimonio civile da celebrarsi in altro comune, viene consegnata la delega per la celebrazione nell'altro Comune.
Le pubblicazioni valgono sei mesi dalla data di eseguita pubblicazione.
Se il matrimonio non viene celebrato entro i sei mesi previsti, le pubblicazioni scadono e occorre ripeterle.
Per richiedere nuovamente le pubblicazioni bisogna che siano trascorsi 180 giorni dalla data della precedente pubblicazione.

Documenti da presentare

Al momento della richiesta di pubblicazione si devono presentare:
- un documento di identità valido di entrambi i futuri sposi;
- se il matrimonio è celebrato con rito religioso deve essere presentata obbligatoriamente la richiesta di pubblicazione rilasciata dal parroco di Vernio o dal ministro di culto referente sul territorio;
- se il matrimonio è celebrato in rito civile è obbligatorio presentare le fotocopie di un documento di identità dei testimoni; i testimoni sono previsti solo uno/a per lo sposo e uno/a per la sposa.

- In caso di matrimonio tra MINORENNI, con almeno sedici anni di età deve essere presentata  copia del provvedimento di ammissione al matrimonio rilasciata dal Tribunale dei Minori.
- In caso di donna VEDOVA o DIVORZIATA che si risposa prima di 300 giorni dalla data di divorzio o di morte del coniuge deve presentare il decreto di autorizzazione a contrarre nuove nozze, rilasciato dal Tribunale competente.

Per i CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI:

  • Il passaporto in corso di validità dei due futuri sposi SE STRANIERI
  • Il passaporto o la carta di identità del Paese di origine cittadini comunitari
  • il permesso di soggiorno valido dei due futuri sposi se cittadini STRANIERI
  • il nulla osta rilasciato dall'Ambasciata o dal Consolato del Paese d'origine legalizzato dalla Prefettura per i cittadini STRANIERI; per i paesi comunitari o del trattato di schenghen è sufficiente la postilla.

 Costi e modalità di pagamento

  • una marca da bollo da € 14,62 se entrambi i futuri sposi sono residenti nel Comune di Vernio;
  • due marche da bollo da € 14,62 se uno dei futuri sposi è residente in un altro Comune italiano;
  • una marca da bollo da € 14,62 se uno dei futuri sposi è residente a Vernio e l'altro all'estero;
  • una marca da bollo da € 14,62 se entrambi i futuri sposi sono residenti all'estero.

Regime patrimoniale

Il regime patrimoniale che, per legge, regola i rapporti patrimoniali tra i coniugi è quello della comunione dei beni.
Gli sposi che intendono regolare i loro rapporti patrimoniali con la separazione dei beni lo comunicano:
- al parroco o al ministro dei culto durante la cerimonia del matrimonio religioso;
- all'Ufficiale di stato civile, al momento della pubblicazione, per la celebrazione del matrimonio civile.
La scelta del regime patrimoniale può essere cambiata successivamente con la dichiarazione di fronte a un notaio, trascritta e annotata sull’atto di matrimonio a cura dell’Ufficio di Stato Civile, su proposta del Notaio stesso;

Documenti che può rilasciare  l’ufficio di stato civile a seguito di matrimonio:

  • Certificato di matrimonio: è il documento che dimostra l'avvenuto matrimonio. E' rilasciato indistintamente dal Comune di residenza o dal Comune dove è stato contratto il matrimonio;
  • Estratto di matrimonio: è un documento che riporta tutte le notizie ricavate dall’atto di matrimonio, contenute nel registro di Stato civile, comprese le annotazioni marginali (per esempio separazione patrimoniale fra i coniugi, sentenza di cessazione degli effetti civili, ecc.). L'estratto di matrimonio viene rilasciato per le persone che si sono sposate nel Comune di Vernio;
  • Copia integrale dell’atto di matrimonio: è una fotocopia di tutti i dati contenuti nel registro di Stato civile.

Il rilascio dei suddetti certificati è immediato e gratuito.

Azioni sul documento