Tu sei qui: Home Domani tuffo nella storia: a Montepiano nel Ferragosto del 1750

Domani tuffo nella storia: a Montepiano nel Ferragosto del 1750

Iniziativa promossa dal Comune con il CDSE: l’evento più seguito era il palio. Annalisa Marchi e Luciano Righetti raccontano curiosità e sfarzi dell’antica festa

Annalisa Marchi menre presenta il volume Voglia di libertà sull'Appennino

Un vero e proprio tuffo nella storia per raccontare curiosità e sfarzi della grande festa di Ferragosto del 1750. E’ l’originale proposta che arriva per domani, lunedì 12 agosto, alle 21,15 allo Chalet del villeggiante di Montepiano. L’evento, promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Vernio e dalla Fondazione CDSE con la Pro Loco, sarà introdotto dal sindaco Giovanni Morganti e dall’assessore Maria Lucarini e vede protagonisti Annalisa Marchi e Luciano Righetti che, con il recentissimo volume Voglia di libertà sull’Appennino (1750-1867), hanno esplorato in lungo e in largo, anche grazie a un sorprendente lavoro d’archivio, le vicende e soprattutto i personaggi che portarono terre di montagna e di confine come Vernio e Castiglione ad affrancarsi dal dominio secolare dei Bardi e dei Pepoli.

Ma torniamo allo straordinario Ferragosto del 1750, alla grande festa che si teneva ogni anno e al palio. Sì perché - come raccontano i nostri autori - il palio di Montepiano era una vera e propria manifestazione sportiva, l’unica a questo livello nelle feste che caratterizzavano l’agosto dell’Appennino. Si cominciava il primo martedì del mese con la Fiera di Castiglione, la più importante, seguita da quella di Montepiano per Santa Maria. La sfida dei berberi lanciati al galoppo, fino in vetta ai prati di Montepiano, avvicinava signori e popolani. A Montepiano quel giorno di quasi 260 anni fa arrivò sicuramente il marchese Giuseppe Pepoli per assistere alla competizione a cui partecipavano i cavalli dei conti Bardi o di altri signori delle zone vicine. I fatti e le curiosità di quel giorno sono una sorpresa, li racconteranno in dettaglio Annalisa Marchi e Luciano Righetti.

 

L’evento è inserito nel programma di iniziative Montepiano tra storia e arte 2019.

Azioni sul documento